Nascono i recital

Nel settembre 1998 ho dolori alle mani a seguito dell’artrosi. La mia amica MJ lancia un’idea: “Se vuoi limitare i danni alle mani tira fuori dall’armadio la chitarra, ferma da venticinque anni, e organizza un intrattenimento in occasione del mio compleanno di dicembre. Sarà presente una ventina di persone di nazionalità diverse. Cerca di fare una bella figura”.
Le mani rigide e doloranti pian piano si sciolgono, riprendo a cantare e supero la prova.
Da quel giorno i recital in locali privati o in teatro sono diventati una quarantina.
Scelgo il tema, preparo il copione, vengo presentato all’inizio e poi faccio tutto da solo: presento e illustro le canzoni, declamo le mie poesie, inserisco scherzi e citazioni dotte.
I temi dei miei recital? I più diversi, con canzoni romane e canzoni popolari. La durata? Dagli intrattenimenti di15 minuti ai recital di oltre un’ora.
Ho successo e gratificazioni soprattutto in due occasioni quando mi vengono chiesti recital su “arte,poesia e musica” con le mie opere esposte sulle pareti della sala in cui canto. Non dimentico la serata al chiaro di luna tenuta nel luglio 2006 a Semur (vicino Parigi), in occasione dei festeggiamenti per la Bastiglia in cui intrattengo i presenti con canzoni romane e francesi (con una pronuncia passabile… secondo loro)
Ma c’è qualcosa di più. Nell’ottobre 1999 mi iscrivo all’UPTER (Università Popolare) per il corso di commedia musicale al quale sono ammesso per le precedenti esperienze di cantante con chitarra. Recito in uno schetch con altra collega, canto con la chitarra accompagnato da un coro di sette ragazze, partecipo alle coreografie come può farlo un imbranato e negato per il ballo. Una esperienza nuova e produttiva con un maestro di canto (Prof Gava), uno di recitazione (Prof. Tonino Tosto) e una di coreografia di cui non ricordo il nome. Il saggio di fine corso avviene in un teatro gremito di pubblico. Una esperienza nuova e un bel ricordo.

Se avete attivato il sottofondo musicale disattivatelo

Er 61
Er giubileo de Haidi
A spasso pe Trastevere
Pincio
Alina
Africa
Parigi brucia
Ragazzetto
Generà
T'aricordo
Giostra
Vola via
Chitarra
Goccia

Nasce il cantautore

Un certo giorno del 2005 mi chiedo:”Perché nei miei recital, canto sempre canzoni altrui? Ho tante poesie che esprimono i miei sentimenti. Perché non le faccio diventare canzoni?
Già, ma non conosco la musica. Nessun problema, la studierò.
Nel mese di ottobre mi iscrivo al corso di “Composizione canzoni” presso la SPMT (Scuola Popolare Musica di Testaccio) motivato e deciso a creare canzoni dalle mie poesie partendo da zero ossia dalla teoria musicale (il solfeggio). Studio tanto avendo il prof. Guaccero che mi incoraggia e mi aiuta a superare le difficoltà iniziali per l’ignoranza musicale.
Nel saggio di giugno 2006, al termine del primo anno di corso, il prof ha porta cinque mie canzoni, su nove presentate dalla classe, con mio testo e musica ed una sesta con il solo mio testo su musica di un compagno di classe. Ho tutti gli spartiti che consentono a chiunque di suonare e cantare le mie creazioni.
Sono avvantaggiato rispetto agli altri colleghi perché ho già i testi su cui mettere la melodia più adatta con la successiva partitura. Per gli altri, che partono dalla melodia, è più difficile inserire il testo più appropriato.
Nel 2° corso del 2006-2007 nascono altre tre canzoni che, come le altre, provengono da poesie di carattere sociale, che piacciono al pubblico. Lo verifico sia il giorno del saggio, sia in altre due occasioni (Ass. Italia-Francia e Stampa estera) in cui realizzo intermezzi nel corso di manifestazioni dedicate a G.G. Belli.
La mia prima canzone è stata “Er giubbileo de Haidi”, una barbona morta nella notte tra il 31 dicembre 1999 e il 1° gennaio 2000. Il fatto mi ha colpito: ho scritto la poesia, ho dipinto un acquerello, ho creato la melodia e il relativo spartito, l’ho suonata e cantata più volte esprimendo il mio sentimento con tre diverse tecniche e non è il solo caso. Nel 2009 ho 16 canzoni e sento in me esaurita la necessità di proseguire i corsi annuali di composizione. Ora so musicare le poesie: volevo quello, non di più. Continuerò, finché ne avrò voglia, ad accettare gli inviti per recital e intermezzi musicali nelle diverse manifestazioni. Il disco “MESSAGGI DA UN ROMANO” raccoglie 14 delle mie canzoni.


Spartito di "Vola via"

Studio

Ha frequentato per tre anni il corso di “composizione canzoni” presso la Scuola Popolare di Musica di Testaccio con l’obiettivo di musicare le proprie poesie. Alla fine del 2010 ne sono state depositate alla SIAE circa venti.”

Attività musicale e canora
Esibizioni in pubblico - Recital

1954
1) Alla RAI per l’ora del dilettante.
Dopo una selezione è finalista assieme ad una cantante lirica, una imitatrice e due gemelle che cantano in francese. Premio: un maglione da sci. Ha cantato la canzone spagnola “Lamento borincano”.
2) Nel teatro della Parrocchia S. Croce c’è una serata di beneficenza con un cartellone capeggiato da Renato Rascel seguito da Cesare Pavese, Nico Pepe ed altri. Per ultimo, in piccolo, c’è il “Duo Canfora-Leopizzi” che canta due canzoni accompagnandosi con la chitarra.

1969
Raduno dei Campeggiatori Romani a Riva dei Tarquini. “Mezz’ora del dilettante” conclusosi (dalla stampa) “con il successo di Canfora e la sua chitarra” che riceve una coppa come 1° premio.

1998


l'ora del dilettante
Dopo circa venti anni in cui la chitarra è stata chiusa in un armadio l’invito ad una festa privata, lo spingeva a riprendere il suo interesse giovanile: cantare accompagnandosi da sé. Con oltre 20 presenti di otto nazionalità diverse la festa è allietata dal recital VIVA L’AMICIZIA costituito da canzoni sulle disuguaglianze nel mondo. Il pensionato si sta reinventando con canzone, poesia e pittura.

1999
1) MANTENUTO IMPEGNO, in due tempi, organizzato dall’Assoc. Sportiva Roma Bridge. Nel primo ha declamato sue poesie sul tema IL BRIDGE, nel secondo, una breve storia della canzone romana colorita da canzoni, Oltre 70 presenti.
2) Organizzata dall’UPTER (Università Popolare Romana), viene data, nel Teatro S. Michele, la commedia LE LAVANDAIE, ambientata nel 1900, in cui canta dal vivo tre serenate romane. Teatro pieno.
3) In una festa privata, con oltre 30 persone, SERATA ROMANA ricorda Roma con le sue bellezze e le sue canzoni.
4) NON E’ COSI’ PER TUTTI, (non siamo tutti così fortunati) noi e gli altri in alcuni momenti della vita, alla nascita, nell’adolescenza, da giovani, da lavoratori, da sposati, da pensionati.
Un percorso musicale e di sue poesie organizzato dall’Ass. Sportiva Roma Bridge con oltre 50 presenti.
5) ME LA SONO E ME LA CANTO. Festa privata nel quartiere Garbatella. Canzoni e sue poesie alla presenza di molti stranieri.
6) UNA DOMENICA ROMANA… PIU’ PER SEGUITO. Nei locali di una associazione di Ostia Lido, recital con curiosità romane, citazioni dotte, sue poesie e canzoni romane.

2000
1) PASSEGGIATA MUSICALE CON I COMPAGNI
Come vecchio e assiduo frequentatore del Folkstudio rievoca, con le canzoni folk e di lotta, gli anni ’70: presenti tutti dirigenti sindacali che hanno partecipato cantando in una serata unica e difficilmente ripetibile.
2) CI ANDIAMO A BRODWAY? Commedia musicale presso il Teatro S. Francesca Romana di Roma con recitazione, canto e coreografia. Regia di Tonino Tosto.


Ci andiamo a Brodway?

2001
DOPO IL GIUBILEO. Un recital, che con sue poesie, canzoni romane e aneddoti sui precedenti giubilei, ricorda Roma, i pellegrini e la pace ritrovata.

2002
SERATA ROMANA. Recital con curiosità romane e sue poesie. Festa privata con giovani e non più giovani in una villa vicino all’Appia Antica

2003
SERATA ROMANA PER OVER 60. Roma vista dalla parte dei più deboli con curiosità romane e sue poesie, canzoni e stornelli. Festa privata con oltre 40 presenti.

2004
1) ROMA A MODO MIO, NELL’ARTE, NELLA CULTURA, NELLA MUSICA E NEI SOGNI DI UN PENSATORE. Due ore di interpretazione con l’esposizione di bassorilievi ed acquerelli, recita di poesie e canzoni romane presso l’Accademia G.G. Belli di Roma.
2) GUERRA E PACE. Recital in una festa privata mentre è in corso una guerra. Canzoni e poesie sue e di Trilussa, contro la guerra e nella speranza che finiscano i rumori delle bombe.
3) FOLK SENZA CONFINI: STORIA E INTERPRETAZIONE MUSICALE. Didattica sulla canzone popolare e canzoni nei diversi periodi storici italiani e stranieri, dal 1900 ai giorni nostri. Dal Piemonte alla Sicilia. (Accad. G.G. Belli)
4) BUON COMPLEANNO. Le canzoni dei nostri 10-20-30 anni per chi ne compie 70.

2005
1) ANNO VECCHIO – ANNO NUOVO. Recital nel Castello di Binami in Toscana alla presenza degli ospiti di un agriturismo. Si festeggia l’anno che se ne va con sue poesie e canzoni romane.
2) MEZZ’ORA PER TE – Al teatro Casa Vittoria di Via Portuense. Dopo uno spettacolo teatrale un suo recital di 30 minuti per un percorso tra aneddoti e canzoni romane, sue poesie e sue canzoni musicate su sue poesie.

2006
1) ALBERTO CANFORA NELLE ARTI, NELLA POESIA E NELLA CANZONE in occasione della Mostra d’Arte dell’Acc. G.G. Belli presso il C. Cult. IL LEONE
2) POESIA E MUSICA presso il C. Cult. IL LEONE con didattica sulla poesia e con sue canzoni.
3) VERSO IL POPOLARE. Composizioni originali degli allievi della Scuola Popolare Musica di Testaccio. Concerto-saggio di fine anno sulla canzone con 5 sue composizioni di testo e musica ed una, di solo testo.
4) ROMA E PARIGI NELLA CANZONE a Semur (Borgogna) in occasione della Festa della Bastiglia. Canzone romane e francesi al chiaro di luna.

2007
1) Assoc. Italia–Francia. Roma, Gioacchino Belli e i suoi successori. Numerosi intermezzi musicali con canzoni in francese e in romanesco nella conferenza tenuta dal Prof. Renzi dell’Acc. G.G. Belli
2) Sede Stampa Estera. Roma. Gioacchino Belli e la Roma dell’800. Numerosi intermezzi musicali con sue poesie e sue canzoni romane nella conferenza del Prof Renzi, Presid. Dell’Acc. Belli.
3) SUCCEDE ANCHE QUESTO. Composizioni allievi della Scuola di Testaccio con 3 nuove canzoni
4) Comune di Toffia.(Sabina) Riviviamo il Centro Storico. 13/8 dibattito pubblico su Belli e Trilussa;

5) Comune di Toffia, 15/8 Sala Consigliare: recital con sue poesie e sue canzoni (h. 1,30)


recital di Toffia

6) 2 Presenze alla manifestazione BOSIO APERTO con altri cantautori presso il Circolo Bosio con la presentazione di sue canzoni.

2008
1) 23 febbraio. Recital di sue canzoni in occasione della presentazione da parte dei Prof Renzi del suo libro di poesie “Quer che me dice er core, quanno…” e delle sue canzoni da parte del Prof. Guaccero. 65 presenti. Presso la Scuola di Musica di Testaccio.


Recital

2) 17 agosto. Recital composto di sole sue poesie e canzoni nel comune di Toffia in occasione della manifestazione “Riviviamo il Centro Storico”.
3) 10-13 ottobre 2008. Hotel Bristol del Comune di Fiuggi. Serata di apertura con recital di un’ora di fronte ad un pubblico dei più grandi poeti dialettali nazionali riuniti per il “Convegno d’autunno. Ha cantato soltanto sue canzoni provenienti da sue poesie. Circa 150 presenti.


Recital di Fiuggi

4) 16 dicembre. “Dalla poesia alla canzone” Per i poeti di Voce Romana, didattica su come mantenere lo stesso pensiero cambiando la tecnica artistica.
5) 17 dicembre. Intermezzo poetico-musicale sull’Africa in occasione della presentazione del libro “Emarginati” da parte dell’autrice Marie Jane Mermillod.

2009
1) Nel febbraio 2009 ha realizzato la compilation “Messaggi da un romano” con 14 canzoni estratte da registrazioni di numerosi recital e libretto contenente i testi relativi.
2) Intermezzi musicali a Cascia nel raduno dei poeti dialettali dell'ANPOSDI dal 7 all' 11/5/2009.
3) Intermezzo musicale nella cerimonia di premiazione del Premio Letterario AmaRossella del 14/6/2009.
4) Convegno nazionale ANPOSDI dal 9 al 12 ottobre ad Arcidosso in Toscana. Intermezzi musicali nei giorni della manifestazione con canzoni delle diverse regioni in omaggio ai poeti dialettali presenti.
5) Conferenza su DALLA POESIA ALLA CANZONE con declamazione di poesie e canto presso l’Accademia Romanesca il 27/10/2009

2010
Concerto con sue canzoni presso l’AgriCultura di Foligno il 10/7/2010

2011
Recital del 16 agosto dal titolo DALLA POESIA ALLA CANZONE in un parco archeologico del Comune di Coreno Ausonio (Cassino)

Premi

2° premio per la Musica nel PENTATHLON DELLA CULTURA svoltosi ad Ostia Antica nel periodo 17-20/6/2009. Canzone presentata “Pincio”.
3° Premio nel concorso “Le nostre radici”, Musica d’autore (in Foligno), per il brano musicale “A spasso pe Trastevere” il 26/6/2010

3°nella terza edizione del PENTATHLON DELLA CULTURA 2010

1° Premio nel concorso "La forza dei sentimenti" con la canzone: ER GIUBBILEO DE HAIDI 1° luglio 2012

2° premio nel concorso "Luce dell'Arte" con la canzone PINCIO il 7/7/2013